WWW.VICOLOSTRETTO.NET

Ciao marinaio...ora sei su questa spiaggia: benvenuto! Visita il Vicolo e passeggia insieme a noi.
Abbiamo molte storie da raccontarci. Librati in volo e segui il gabbiano.
E lascia che il vento corra, coronato di spuma.
(...e il vento soffiò, per l'intero giorno, portandosi via tutte le parole...)


New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 | Next page
Print | Email Notification    
Author

Alunni del Sole

Last Update: 8/25/2014 4:28 PM
11/15/2004 8:47 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,705
Registered in: 8/8/2004
Location: VICENZA
Age: 58
Gender: Male
Guardiano del faro

Mavaffffffff!!
"Liù" è la loro canzone più conosciuta, decisamente commerciale ed orecchiabile, ma i testi dei loro brani, oltre ad essere pura poesia, hanno una controparte melodica non indifferente:

UN'ALTRA POESIA
Io ti conosco, t'inventerai un'altra poesia, in un momento dolce di malinconia per non lasciarmi andare sempre via......Invece ora io vorrei, sconfiggere con gli occhi, gli occhi tuoi e domandarmi quanto t'amo....

...E MI MANCHI TANTO
Al suo fianco camminavo e verso il fiume mi portava, al posto dove le piaceva andare. Mi diceva: è poco tempo, sei un amore troppo breve, come faccio a ricordarti io. Poi mi disse: prendimi. Ma sentivo che tremava.

CONCERTO
Giorni sul lungomare insieme a te, bruciavi più del sole, e gli occhi tuoi nel vento come i miei, in cerca dell'amore, ombre di una pineta, e un prato per sognare. Concerto, di un mare senza te, che suona e mi riporta a me...

COSA VOGLIO
Quell'andare, veloce verso il vento, per chiederti l'amore con un sorriso stanco, e poi cercare il sole, il sole...tanto sole...Cosa voglio.....Venirti a dire vengo e ti appartengo, venirti a dire corro, corro...ma non corro...dirti che ti sogno e invece non ti sogno....cosa voglio....

FIORI
....per la tua ragazza, perchè non vuoi donare a lei i fiori d'amore.......i luoghi senza tempo, i fiori dell'infanzia troverai per lei.....con il viso dipinto a donare risate.......e nel tuo giardino, tu sceglierai per lei, non fiori di tristezza, ma i fiori dell'amore.....

L'AQUILONE
Ricordo una mattina, che non andammo a scuola, prendendoci per mano corremmo verso i campi e come due bambini, cantando noi lanciammo un aquilone, e andava sù nel cielo, e andava sù nel cielo.....Correvi lungo il fiume, saltando tra le siepi, andavi incontro al sole legata all'aquilone, correvi fino a sera per far durare il giorno ancora un poco, ed eri ancora mia, ed eri ancora mia........E ora sei cambiata, sei triste e senza sogni, trascini sola sola, le tue giornate vuote, se guardi verso il sole, ricordi vagamente un aquilone....ma è già volato, è già volato via.....

Non ho difficoltà ad ammettere che è il gruppo italiano, assieme all Orme, che più ho amato.

[SM=x520499]


--------------------------------------------------
"Notte, ore 11 - Esperienza indimenticabile...luogo meraviglioso...piazza con rudere di tempio romano...chiesa rinascimentale...fontana con delfini...messaggero di pietra...musica celestiale...tenebrose presenze"
"Ricordo ancora notte indimenticabile in casa di O. Che io possa essere dannato se accetto di nuovo un suo invito"
--------------------------------------------------
11/15/2004 9:48 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 34
Registered in: 9/20/2004
Gender: Male
Naufrago
Orme ed Alunni del sole!
Tidus...non ho neppure io difficoltà ad ammettere che dopo Le Orme gli Alunni del sole sono il gruppo che più preferisco.
Ma non siamo i soli...ne conosco altri...si facciano avanti tutti i fans delle ORME DEGLI ALUNNI.
[SM=g27811]
11/15/2004 10:10 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 39
Registered in: 10/6/2004
Gender: Male
Naufrago
Re: Orme ed Alunni del sole!

Scritto da: tony62 15/11/2004 21.48
Tidus...non ho neppure io difficoltà ad ammettere che dopo Le Orme gli Alunni del sole sono il gruppo che più preferisco.
Ma non siamo i soli...ne conosco altri...si facciano avanti tutti i fans delle ORME DEGLI ALUNNI.
[SM=g27811]




presente!e come potevo mancare a questo simpatico appello di tony...[SM=x520505] ...ma dalle mie parti i fans degli Alunni sono tanti,ma tanti...[SM=x520490] [SM=x520498]
11/15/2004 10:43 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,354
Registered in: 8/11/2004
Location: GENOVA
Age: 63
Gender: Male
Guardiano del faro

Sante Gaiardoni
Anch'io ho amato i dischi degli Alunni del sole,che univano un romanticismo essenziale ,ma mai banale, a un rock melodico molto apprezzabile e poi Paolo Morelli scriveva molto bene ed aveva una voce che si riconosceva dopo due note.Oltre ai brani citati da Tidus ricordo"pagliaccio","Isa-Isabella"(che mi fa ricordare ad una Isabella,molto carina, delle scuole medie),"Un ricordo","A'canzuncella","Nonna nonna"e"Le maschere infuocate".Erano una presenza fissa ad Alto Gradimento[SM=g27811]


"Aspettero'ancora qualche anno per sentirmi dire:sei grande!"
11/16/2004 6:09 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,725
Registered in: 8/8/2004
Location: TRENTO
Age: 62
Gender: Male
Guardiano del faro

Martino Mio
Le canzoni
Voglio dire... mica è facile indicare alcuni titoli e basta.
Io credo che ogni canzone degli Alunni del Sole sia una bella canzone, con alcune punte più alte rispetto ad altre.
Tra le mie preferite tutto l'album "Dove era lei a quell'ora" e "Jenny e la bambola", poi "Guardi me guardi lui" :geniale la frase "ed eravamo già tanti per parlare di niente".
Forse l'unica che non mi piace è proprio "Liù", che è stata l'unica a far vincere qualcosa al gruppo, ossia il Festivalbar 1978.
[SM=x520497]

[Modificato da New Redarrow 16/11/2004 6.10]



Se la Fabbrica Italiana Automobili Torino si chiama FIAT,
perché la Federazione Italiana Consorzi Agrari si chiama Federconsorzi?
11/16/2004 9:25 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 624
Registered in: 8/8/2004
Location: MODENA
Age: 61
Gender: Male
Naufrago
Anch'io apprezzavo parecchio gli Alunni del Sole. Ok, canzoni romantiche, ma ben costruite e di gusto. La mia preferita è "Un'altra poesia", che fra l'altro piaceva e piace moltissimo a mia moglie: una canzone che fotografa perfettamente la timidezza e il pathos di quegli amori giovanili... non so se mi spiego... [SM=x520488]



----------------------------------------------------------
Nell'amor le parole non contano
conta la musica

(Roberto Benigni - "Quanto t'ho amato")



www.vicolostretto.net
11/16/2004 10:17 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,444
Registered in: 8/8/2004
Location: CASTEL MAGGIORE
Age: 61
Gender: Female
Guardiano del faro

Hau dippe profonne ior ammore
Eccomi ci sono anche io, gli Alunni erano il mio complesso preferito (dopo i Pooh) i loro pezzi sono tutti belli ma quello che preferisco in assoluto è "E mi manchi tanto"
8/15/2014 1:36 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 14
Registered in: 8/14/2014
Location: BOLOGNA
Age: 62
Gender: Female
Naufrago
Jenny e la bambola

Ciao forumisti, mi sono iscritta ieri e questo è il mio primo post dopo quello della presentazione.

Il bellissimo album “Jenny e la bambola” degli Alunni del Sole ha i primi quattro brani che raccontano una storia. Il primo è Un manichino in vetrina:



Al bar della stazione
per un po' tutti la guardammo
quella donna che aspettava
messa come un manichino in vetrina,
una valigia rossa
l'accorciava da una parte
dall’altra si aggrappava
ad una bambola di cartone.
Si girava intorno
cercando uno per farsi spiegare,
da come la guardavo
si era accorta che mi piaceva
allora mi lasciò un sorriso
credendo che l'avrei potuta aiutare
pensai di tutto e per parlarle
mi era venuta l'idea di un fiore.
E non mi resi bene conto
neanche dove stavamo andando
solo dopo un po' mi accorsi
che la trovavo bella
e quando per la via del mercato
un venditore le gridò che era bella
pensai sconfitto che io per primo
glielo avrei voluto dire.
Un attimo più in là colto ancora di sorpresa
da un gesto imprecisato che lei aveva condiviso,
mi capitò di averla accanto e spiegandoci con gli occhi,
andammo ancora un poco in là
poi dolcemente scivolammo.
E man mano si sgualciva
quel suo lungo vestito indiano,
man mano come in certi film
lentamente c'inseguivamo.
L'avevo a un passo e più di una volta
lei mi scappava via dalle mani,
poi la raggiunsi e finalmente
più di una volta scivolammo a terra...
..e di continuo le cercavo
carezze dalle labbra
con lenti movimenti
del mio capo contro il suo.


Allora: il protagonista incontra nella stazione una ragazza bella, enigmatica, spaesata, che indossa un lungo vestito indiano. La stranezza è rappresentata dalla bambola di cartone che la ragazza stringe, “aggrappandosi” a lei. Dapprima la ragazza appare sfuggente, poi il protagonista riesce a conquistarla. La seconda canzone dell’album, La bambola di cartone, espande la descrizione della bambola e l’attaccamento che la ragazza le dimostra, e il segreto che sembra nascondere dentro di sé. Il terzo brano, Quelle sere in riva al mare... un'orchestrina suonava da lontano è solo strumentale e non aggiunge niente alla storia.
Ma nel brano numero quattro, Jenny e la bambola, la ragazza finalmente racconta la sua vicenda personale:



Mi raccontava che una volta da bambina
per distrarla la portarono in campagna
che d'inverno in città si era innamorata
troppo presto di un ragazzo assai più grande
.
Sempre sola, chiusa in una stanza voleva restare
anche quando la campagna tornò tutta in fiore
e quando l'albero più verde dell'orto cambiò di colore
le regalarono una bambola per giocare.
" C'era una volta " la sentivano che le sussurrava
e caricandosela al suo fianco l'addormentava.
Le fantasie già di una donna s'immaginava,
e sempre più volte di scappar via si convinceva
di tanto in tanto nello specchio si guardava
e con gli spilli un po' di gonna si scorciava.
Così da qualche tempo andava in giro e la dimenticava
ma al suo ritorno in punta di piedi la riabbracciava.
Si era tanto trasformata ed aspettava
quella bambina
che anticipasse la sua primavera
sull'orlo del letto si attardava
a pensarla nella culla già pronta
prolungando di più l'attesa e non dormiva
I vestitini addosso a lei se li immaginava
intanto che l'inverno a poco a poco se ne andava
Quella storia della cicogna che non venne più
le procurò qualcosa più che un dispiacere
per questo all'improvviso aveva dei cambiamenti
e risaliva su a nascondere un altro pianto.
Ma la campagna era tornata ancora in fiore
qua e là tra i vetri della casa si spostava il sole.


Il brano ha anche una parte 2, brevissima, che contiene la decisione della ragazza di andarsene da casa portando la bambola con sé.

La ritrovò in soffitto
tra un mucchio di altri giochi messi da una parte coi ricordi.
Era cambiata e poi chissà se ancora cantava,
chissà se adesso la riconosceva.
Con amore le dipinse il volto,
con amore le riattaccò un braccio carezzandola
le tolse la polvere di dosso
poi scese giù con lei e una valigia.


I tre brani successivi, Jenny, Un’altra poesia e Canzoni d’amore (tutti bellissimi) sono però a sé stanti, non sembrano più seguire la storia: esprimono l’amore del protagonista per la ragazza, senza più alludere alla storia personale di lei.

La domanda che mi ha ossessionato per tutti questi anni è la seguente: nel quarto brano cosa ci racconta Jenny? Qual è il suo dramma, considerato le parti che ho evidenziato?

...i genitori l’hanno costretta ad abortire?...

Notare che in questo video Paolo Morelli sembra voler fornire una spiegazione della storia narrata nell’album, ma il presentatore gli toglie brutalmente la parola:



Grazie per eventuali opinioni
Gipsy
[Edited by Gipsyqueen 8/15/2014 3:53 PM]
8/15/2014 8:37 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,705
Registered in: 8/8/2004
Location: VICENZA
Age: 58
Gender: Male
Guardiano del faro

Mavaffffffff!!
Re: Jenny e la bambola
Gipsyqueen, 15/08/2014 13:36:



La domanda che mi ha ossessionato per tutti questi anni è la seguente: nel quarto brano cosa ci racconta Jenny? Qual è il suo dramma, considerato le parti che ho evidenziato?

...i genitori l’hanno costretta ad abortire?...

Grazie per eventuali opinioni
Gipsy



Un bel post, Gipsy, veramente... [SM=x520488]
Qui ci vorrebbe anche l'amico Redarrow, ma è il solito vagabondo e bisognerà attendere che rientri alla base [SM=x520505]
Partiamo da questi presupposti trovati in Rete (per quello che possono valere: in musica, i testi non sempre sono chiari ed immediati...anzi, molte volte appaiono ermetici):

Da Hit Parade Italia:

"...le otto canzoni di "Jenny e la bambola" raccontano, infatti, una storia d’amore vissuta tra tenerezze, ritrosie ed inevitabili incomprensioni"

"Testo che nelle strofe descrive, con immagini non propriamente inedite, un amore estivo che, come la stagione che lo ha visto sbocciare, sta per finire. Lui deve lasciarla, ma lei ha una certezza: io e te ci incontreremo di nuovo.....

Da Wikipedia - Fulvio D'Ascola:

"Il concept "Jenny e la bambola" nasce dalla visione di una ragazza ,incontrata alla stazione di Milano, con la valigia ed una lunga bambola di cartone tenuta sopra un braccio.
La nebbia milanese lo ispira, in una racconto in cui la protagonista vive una storia d'amore inespressa, con una maternità negata, divisa tra sogni infranti ed occasioni perdute.....


Ritornando nello specifico:

Si era tanto trasformata ed aspettava
quella bambina che anticipasse la sua primavera
sull'orlo del letto si attardava
a pensarla nella culla già pronta
prolungando di più l'attesa e non dormiva
I vestitini addosso a lei se li immaginava
intanto che l'inverno a poco a poco se ne andava
Quella storia della cicogna che non venne più
le procurò qualcosa più che un dispiacere


l'interpretazione potrebbe essere duplice:

- maternità negata in quanto "dramma della sterilità" (alias paura inconscia per un figlio desiderato che si traduce in sindrome da desiderio di un bambino)
- maternità negata per aborto subito (spontaneo o costretto dai genitori)

Tu che ne pensi?

[SM=x520499]





[Edited by Tidus forever 8/15/2014 8:38 PM]


--------------------------------------------------
"Notte, ore 11 - Esperienza indimenticabile...luogo meraviglioso...piazza con rudere di tempio romano...chiesa rinascimentale...fontana con delfini...messaggero di pietra...musica celestiale...tenebrose presenze"
"Ricordo ancora notte indimenticabile in casa di O. Che io possa essere dannato se accetto di nuovo un suo invito"
--------------------------------------------------
8/16/2014 11:21 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 14
Registered in: 8/14/2014
Location: BOLOGNA
Age: 62
Gender: Female
Naufrago

Ciao Tidus e grazie per l’immediata risposta. [SM=x520488]

Io propendo per l’ipotesi di un aborto imposto dai genitori.

La ragazza viene allontanata dalla città ove lei si era innamorata/troppo presto di un ragazzo assai più grande. E, evidentemente, incinta. Da bambina potrebbe significare tredici, quattordici anni. Le regalano una bambola, giudicandola più adatta alla sua età che non un figlio vero. Lei invece quel figlio lo desidera, vorrebbe fosse una bambina (che anticipasse la sua primavera = un figlio durante l’adolescenza, un figlio che arriva in anticipo sul periodo della giovinezza), fantastica sul suo arrivo (la culla, i vestitini…) ma viene costretta ad interrompere la gravidanza, come già stabilito. La cosa le procura gravi sofferenze e appena le è possibile (divenuta maggiorenne?) se ne va di casa, recuperando in soffitta la bambola regalatale anni prima e simbolo di quella figlia perduta.

Il tema dell’aborto, all’epoca, era inaffrontabile in modo esplicito e veniva solo accennato tramite allusioni (vedi Alessandra dei Pooh: lei mi ha detto poco fa/che quel dubbio è realtà/poi con gli occhi di una donna/mi ha detto: è tuo però/problemi non ti darò, qui però la cosa si risolve positivamente: che bambino che sarei/se lasciassi fare a lei/nel suo corpo nasce un fiore/per sbaglio o per amore/che importa: sarò con lei)

[Edited by Gipsyqueen 8/16/2014 11:24 AM]
8/16/2014 11:48 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,705
Registered in: 8/8/2004
Location: VICENZA
Age: 58
Gender: Male
Guardiano del faro

Mavaffffffff!!
Re:
Gipsyqueen, 16/08/2014 11:21:


Ciao Tidus e grazie per l’immediata risposta. [SM=x520488]

Io propendo per l’ipotesi di un aborto imposto dai genitori.

La ragazza viene allontanata dalla città ove lei si era innamorata/troppo presto di un ragazzo assai più grande. E, evidentemente, incinta. Da bambina potrebbe significare tredici, quattordici anni. Le regalano una bambola, giudicandola più adatta alla sua età che non un figlio vero. Lei invece quel figlio lo desidera, vorrebbe fosse una bambina (che anticipasse la sua primavera = un figlio durante l’adolescenza, un figlio che arriva in anticipo sul periodo della giovinezza), fantastica sul suo arrivo (la culla, i vestitini…) ma viene costretta ad interrompere la gravidanza, come già stabilito. La cosa le procura gravi sofferenze e appena le è possibile (divenuta maggiorenne?) se ne va di casa, recuperando in soffitta la bambola regalatale anni prima e simbolo di quella figlia perduta.)




Anch'io concordo con questa tua analisi.
Un tema scottante, qui espresso in modo molto delicato, poetico, ancorchè drammatico e, soprattutto, scomodo.
Forse (dico forse) è anche per quest'ultima ragione che il presentatore (del quale non ricordo il nome), nel terzo video, interrompe bruscamente Paolo Morelli, adducendo alla mancanza di tempo.
Il vero scandalo, oggi, almeno in tema musicale, è un altro: la mancata ristampa di questo album degli Alunni del Sole.

[SM=x520499]






--------------------------------------------------
"Notte, ore 11 - Esperienza indimenticabile...luogo meraviglioso...piazza con rudere di tempio romano...chiesa rinascimentale...fontana con delfini...messaggero di pietra...musica celestiale...tenebrose presenze"
"Ricordo ancora notte indimenticabile in casa di O. Che io possa essere dannato se accetto di nuovo un suo invito"
--------------------------------------------------
8/17/2014 12:10 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 14
Registered in: 8/14/2014
Location: BOLOGNA
Age: 62
Gender: Female
Naufrago
Re: Re:
Tidus forever, 16/08/2014 11:48:



Il vero scandalo, oggi, almeno in tema musicale, è un altro: la mancata ristampa di questo album degli Alunni del Sole.

[SM=x520499]





Scandalo, è vero! Come avrai già capito, è il gruppo italiano per il quale io ho una vera passione.
Ho visto che nessuno finora ha citato Pagliaccio.



Che strano incontro il nostro
arrampicati sopra due finestre
per cercarci con la vena negli occhi
la sera quando era tardi.

E mi sembravi un pagliaccio
con il viso truccato da poco
e le mani ingiallite
facevi fotografie.

Che strana vita la nostra
leggendo tutte due le nostre mani
quel mercante non sapeva più che fare
e ci lasciammo invidiare.

Camminavamo per niente
per niente si faceva l'amore
senza mai domandarci che strane
quelle nostre giornate.

E mi sembravi un pagliaccio
con il viso truccato da poco
e le mani ingiallite
facevi fotografie.

Che strani i nostri vestiti
senza neanche un portafortuna
od un ricordo di vacanze lontane
che ci lasciasse ricordare

Perché di sogni mai niente
perché di sogni non volevi parlare
e mentre ancora ti lasciavi sfiorare
mi domandavi se credevo all'amore.

E si parlava di te
come un vero pagliaccio
con le mani sbiadite
facevi fotografie.

Una canzone cantavi
nel cortile delle nostre risate
finché scendeva un'altra sera in noi
in silenzio ti legavo gli occhi.

Ed ogni giorno importate
ogni giorno ci sembrava importante
per fare ancora un passo avanti
nel giardino dell'amore.

E si parlava di te
come un vero pagliaccio
con le mani truccate
facevi fotografie.

Pagliaccio, del 1975, è un testo decisamente poetico perché si serve di immagini non convenzionali nonché il rovesciamento di alcuni luoghi comuni.

Ci offre una singolare ed affascinante immagine della ragazza, ritratta nell’atto di scattare fotografie con il viso evidentemente truccato in modo vistoso e azzardato, che canta e ride, come un pagliaccio. Si noti (ed è straordinario!) che l’utilizzo delle frasi e mi sembravi un pagliaccio…e si parlava di te come un vero pagliaccio… lungi dall’implicare derisione, costituiscono il fascino stesso della donna, dotata evidentemente di una bizzarra(malinconica?) allegria.

Altra singolare immagine sono le mani di lei, dapprima ingiallite poi sbiadite poi truccate, altri tre aggettivi che sono normalmente usati con accezione negativa (sciatteria, malattia, inautenticità) e invece diventano parte integrante di questo fascino di svagata ed enigmatica allegria, oppure possono farmi pensare a tre successivi momenti di lei: al tempo della relazione con il protagonista le mani sono “ingiallite” per la sua alacrità nella passione per la fotografia; poi subentra l’aggettivo “sbiadite”, come il ricordo di lei a relazione finita (tutta la canzone usa l’indicativo imperfetto del ricordo), poi “truccate” perché magari (inespresso nel testo) lei, rincontrata, è cambiata e non è più quella di un tempo.

E a proposito di sogni: mentre nelle canzoni d’amore si usa sbandierare continuamente l’importanza dei sogni e del sognare, qui invece la donna ne prende le distanze: Perché di sogni mai niente/perché di sogni non volevi parlare…

E per finire, l’amore tra i due è altrettanto costellato di immagini poetiche e spesso insolite (i due si incontrano arrampicati sopra due finestre!) che accentuano l’intensità e la spensieratezza della loro passione (l’invidia del mercante che legge la mano, nel cortile delle nostre risate...nel giardino dell’amore...ti legavo gli occhi...), tutto è "strano": i vestiti, la vita, le giornate, ma molte immagini hanno allo stesso tempo un richiamo irresistibilmente malinconico: oltre alla già citata negazione dei sogni, ...senza neanche un portafortuna indica che invece avrebbero dovuto averne bisogno? ...senza un ricordo di vacanze lontane indica senza la banalità che caratterizza le altre coppie o esprime un amore destinato a vivere solo nel presente, senza ricordi e quindi anche senza futuro?...........................................................


[Edited by Tidus forever 8/17/2014 3:52 PM]
8/17/2014 6:46 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,725
Registered in: 8/8/2004
Location: TRENTO
Age: 62
Gender: Male
Guardiano del faro

Martino Mio
Io vagabondo?
Tidus forever, 15/08/2014 20:37:



Un bel post, Gipsy, veramente... [SM=x520488]
Qui ci vorrebbe anche l'amico Redarrow, ma è il solito vagabondo e bisognerà attendere che rientri alla base [SM=x520505]



Guarda che hai sbagliato gruppo [SM=x520505]
"Io vagabondo" non è degli Alunni del Sole, lo sanno anche i sassi [SM=x520495]

Comunque sono tornato alla base da quasi un'ora e prometto risposta quanto prima.
Grazie a Gipsy che ha riaperto il forum musicale

[SM=x520499]
[Edited by Tidus forever 8/18/2014 11:59 AM]


Se la Fabbrica Italiana Automobili Torino si chiama FIAT,
perché la Federazione Italiana Consorzi Agrari si chiama Federconsorzi?
8/18/2014 12:12 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,705
Registered in: 8/8/2004
Location: VICENZA
Age: 58
Gender: Male
Guardiano del faro

Mavaffffffff!!
Re: Re: Re:
Gipsyqueen, 17/08/2014 12:10:





Pagliaccio, del 1975, è un testo decisamente poetico perché si serve di immagini non convenzionali nonché il rovesciamento di alcuni luoghi comuni.

Ci offre una singolare ed affascinante immagine della ragazza, ritratta nell’atto di scattare fotografie con il viso evidentemente truccato in modo vistoso e azzardato, che canta e ride, come un pagliaccio. Si noti (ed è straordinario!) che l’utilizzo delle frasi e mi sembravi un pagliaccio…e si parlava di te come un vero pagliaccio… lungi dall’implicare derisione, costituiscono il fascino stesso della donna, dotata evidentemente di una bizzarra(malinconica?) allegria.

Altra singolare immagine sono le mani di lei, dapprima ingiallite poi sbiadite poi truccate, altri tre aggettivi che sono normalmente usati con accezione negativa (sciatteria, malattia, inautenticità) e invece diventano parte integrante di questo fascino di svagata ed enigmatica allegria, oppure possono farmi pensare a tre successivi momenti di lei: al tempo della relazione con il protagonista le mani sono “ingiallite” per la sua alacrità nella passione per la fotografia; poi subentra l’aggettivo “sbiadite”, come il ricordo di lei a relazione finita (tutta la canzone usa l’indicativo imperfetto del ricordo), poi “truccate” perché magari (inespresso nel testo) lei, rincontrata, è cambiata e non è più quella di un tempo.

E a proposito di sogni: mentre nelle canzoni d’amore si usa sbandierare continuamente l’importanza dei sogni e del sognare, qui invece la donna ne prende le distanze: Perché di sogni mai niente/perché di sogni non volevi parlare…

E per finire, l’amore tra i due è altrettanto costellato di immagini poetiche e spesso insolite (i due si incontrano arrampicati sopra due finestre!) che accentuano l’intensità e la spensieratezza della loro passione (l’invidia del mercante che legge la mano, nel cortile delle nostre risate...nel giardino dell’amore...ti legavo gli occhi...), tutto è "strano": i vestiti, la vita, le giornate, ma molte immagini hanno allo stesso tempo un richiamo irresistibilmente malinconico: oltre alla già citata negazione dei sogni, ...senza neanche un portafortuna indica che invece avrebbero dovuto averne bisogno? ...senza un ricordo di vacanze lontane indica senza la banalità che caratterizza le altre coppie o esprime un amore destinato a vivere solo nel presente, senza ricordi e quindi anche senza futuro?...........................................................





Prima di intervenire, attendo volentieri la replica di Roberto/Redarrow [SM=g27811] [SM=x520499]




--------------------------------------------------
"Notte, ore 11 - Esperienza indimenticabile...luogo meraviglioso...piazza con rudere di tempio romano...chiesa rinascimentale...fontana con delfini...messaggero di pietra...musica celestiale...tenebrose presenze"
"Ricordo ancora notte indimenticabile in casa di O. Che io possa essere dannato se accetto di nuovo un suo invito"
--------------------------------------------------
8/18/2014 5:24 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,725
Registered in: 8/8/2004
Location: TRENTO
Age: 62
Gender: Male
Guardiano del faro

Martino Mio
Jenny e la bambola
Mamma mia, e mo' che dico?
Comincio subito con attingere anch'io dalla rete e riportare la recensione di un mio conoscente, Orlando, tratta da un blog che consulto usualmente:

"Il successo ottenuto a Canzonissima dagli Alunni del Sole fu nel 1974 un ottimo lancio per E mi manchi tanto e Un'altra poesia, due brani contenuti nel long playing di questa sera. Ma, nonostante la forte promozione televisiva che aveva spinto i due 45 giri in classifica, Paolo Morelli e company decisero di non pubblicare una raccolta di canzoni e di proseguire senza compromessi lungo la strada del concept-album, inaugurata con Dov'era lei a quell'ora, trentatré giri di esordio di cui abbiamo parlato un anno e mezzo fa. L'altra volta raccontavano la storia di un uomo accusato di omicidio; questa volta gli Alunni raccontano di una adolescente che diventa donna: i testi, inafferrabili ed ermetici, sono conditi con il solito bagaglio morelliano di immagini ricorrenti: maschere, fiori, specchi, bambole, soffitte polverose. I temi musicali riemergono più volte nel corso della suite, spesso con arrangiamenti diversi, come se si trattasse della colonna sonora di un film. Il tutto procede senza impennate né refrain di grande impatto, e il ritmo lento e sognante di tutti i brani, alcuni dei quali solo strumentali o con ampie parti solo vocalizzate, rischia di rendere il lavoro soporifero e noioso. Questo nonostante la collaborazione agli arrangiamenti di uno dei grossi nomi degli anni settanta come Tony Mimms. Tuttavia la presenza dei testi delle canzoni all'interno del disco permette a chi vuole ascoltare con attenzione di non perdersi tra le metafore e di arrivare alla fine del disco, per altro di durata molto breve (non più di 30 minuti), prima di prendere irrimediabilmente sonno.

Una cosa che non riesco a capire è per quale motivo gli Alunni del Sole non hanno voluto (o potuto?) sottoporsi ad una seduta fotografica per l'uscita di questo album: la casa discografica utilizza infatti, nella busta interna, lo stesso scatto che era servito per la copertina del disco precedente, mentre la copertina vera e propria utilizza l'immagine di una donna dall'età indecifrabile (se ne vede solo un occhio e il naso), che stringe la famosa bambola di cartone che dà il titolo all'intero lavoro"

Io devo essere sincero, questo album non mi ha mai fatto impazzire ed ho sempre preferito "Dov'era lei a quell'ora".
Comunque lo comprai all'epoca e conservo ancora il 33 giri.
Concordo, in ogni caso, con la tesi dell'aborto ed aggiungo che la recensione tratta da HPI si riferisce, probabilmente, al solo brano "Jenny", che nella versione del 33 giri ha una durata decisamente superiore al singolo che, se la memoria non mi inganna, era iscritto al Festivalbar del 1974.
Su "Un'altra poesia", invece, ricordo che mi arrabbiai molto all'epoca perché il brano, presentato a Canzonissima, non arrivò nemmeno in finale.

[SM=x520499]


Se la Fabbrica Italiana Automobili Torino si chiama FIAT,
perché la Federazione Italiana Consorzi Agrari si chiama Federconsorzi?
8/18/2014 5:35 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,725
Registered in: 8/8/2004
Location: TRENTO
Age: 62
Gender: Male
Guardiano del faro

Martino Mio
...e mi manchi tanto
Allora, tra il concept "Dov'era lei a quell'ora" del 1972 e "Jenny e la bambola" del 1974 uscì nel 1973 il 33 giri/raccolta "...e mi manchi tanto", che consacrò (meglio tardi che mai) gli Alunni del Sole ad un pubblico vasto quello del Festivalbar).
Sono in molti a non sapere che le versioni di "Concerto" e "L'aquilone" sono qui due brani rifatti e che anche "Fiori", "Ritorna fortuna" e "Isa... Isabella" (quest'ultima presentata al Disco per l'Estate qualche anno prima) non sono inedite.
Forse l'unico brano inedito e mai pubblicato altrove è "La maggiore età", canzone della quale non nulla oltre al fatto che pare si trovi solo su questa raccolta.
La musicassetta (cosiddetta stereo7) è ancora qua nell'ultimo cassetto della mia scrivania [SM=x520488]

[SM=x520499]


Se la Fabbrica Italiana Automobili Torino si chiama FIAT,
perché la Federazione Italiana Consorzi Agrari si chiama Federconsorzi?
8/18/2014 5:45 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,725
Registered in: 8/8/2004
Location: TRENTO
Age: 62
Gender: Male
Guardiano del faro

Martino Mio
Qualche data
Oh insomma, qualche anno prima non mi piaceva molto, allora ecco qua più o meno la prima parte della discografia:

1968: L'aquilone/Con l'aiuto degli dei;
1969: Concerto/Le 4 le 5 le 6 le 7;
1970: Fantasia/Fiori (la prima era iscritta al Disco per l'estate);
1971: Ombre di luci/Carezze;
1971: Isa... Isabella/Collane di conchiglie (Disco per l'estate);
1972: Un ricordo/Cosa voglio
1973: ...e mi manchi tanto/I ritornelli inventati.

[SM=x520499]


Se la Fabbrica Italiana Automobili Torino si chiama FIAT,
perché la Federazione Italiana Consorzi Agrari si chiama Federconsorzi?
8/18/2014 5:53 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,725
Registered in: 8/8/2004
Location: TRENTO
Age: 62
Gender: Male
Guardiano del faro

Martino Mio
Pagliaccio
"Pagliaccio" è una gran bella canzone, della quale Gipsy ha fatto davvero un'attenta e interessante analisi.
Purtroppo nel 1975 il vento stava cambiando ed era difficile anche per gli Alunni del Sole ripetere ancora una volta il successo che veniva da singoli come "Un'altra poesia", "I tuoi silenzi" e "Jenny".
Nel 1975 fiorivano gruppi musicali ovunque e in Hit Parade c'era posto per Bottega dell'Arte, Giardino dei Semplici, Santo California [SM=x520489] che rappresentavano il "nuovo".
Gli Alunni del sole devono forse passare la mano, infatti non mi pare che "Pagliaccio" sia entrata nella Hit Parade di Luttazzi. Però precedette la meravigliosa "Guardi me guardi lui" (che fece apparizione tra i Dischi Caldi del 1976) e soprattutto un capolavoro quale "'A canzuncella".

[SM=x520499]


Se la Fabbrica Italiana Automobili Torino si chiama FIAT,
perché la Federazione Italiana Consorzi Agrari si chiama Federconsorzi?
8/20/2014 11:24 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,705
Registered in: 8/8/2004
Location: VICENZA
Age: 58
Gender: Male
Guardiano del faro

Mavaffffffff!!
Re: Re: Re:
Gipsyqueen, 17/08/2014 12:10:



...senza neanche un portafortuna indica che invece avrebbero dovuto averne bisogno? ...senza un ricordo di vacanze lontane indica senza la banalità che caratterizza le altre coppie o esprime un amore destinato a vivere solo nel presente, senza ricordi e quindi anche senza futuro?...........................................................





IMHO, "portafortuna" e "ricordi di vacanze lontane" potrei interpretarli come "souvenir", ossia "oggetti-ricordo".
Il fatto che lei facesse fotografie implicherebbe una spiccata preferenza per i loro personalissimi ricordi, quelli vissuti insieme, scatto dopo scatto, attimo dopo attimo.
Ricordi intimi, veramente importanti, non normali "souvenir" da esibire come trofeo agli amici.

[SM=x520499]



--------------------------------------------------
"Notte, ore 11 - Esperienza indimenticabile...luogo meraviglioso...piazza con rudere di tempio romano...chiesa rinascimentale...fontana con delfini...messaggero di pietra...musica celestiale...tenebrose presenze"
"Ricordo ancora notte indimenticabile in casa di O. Che io possa essere dannato se accetto di nuovo un suo invito"
--------------------------------------------------
8/20/2014 4:22 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,354
Registered in: 8/11/2004
Location: GENOVA
Age: 63
Gender: Male
Guardiano del faro

Sante Gaiardoni
Trovo molto belle anche le loro canzoni in napoletano,oltre alla celebre"A canzuncella","Carme'","Nonna nonna","Maddalena"e "Natale e' nu'ricordo"


"Aspettero'ancora qualche anno per sentirmi dire:sei grande!"
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
Reply
Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin | Regolamento | Privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:59 AM. : Printable | Mobile - © 2000-2021 www.freeforumzone.com